Puglia: Massime e Proverbi

libro animato
  • Dialetto: «Le parole so come a le cerase: ne pigghie iune, ne vénene cinghe»
  • Traduzione: «Le parole sono come le ciliege: ne prendi una e ne vengono cinque»
  • Dialetto: «Ci sparte iàve la mègghia parte»
  • Traduzione: «Chi divide ha la miglior parte»
  • Dialetto: «Fatte le fatte tu ca cambe ciend' anne e de cchiù»
  • Traduzione: «Fatti i fatti tuoi, così vivi cent'anni di più»
  • Dialetto: «Na mane lave l'alde e tottèdoje lavene la facce»
  • Traduzione: «Una mano lava l'altra e insieme lavano la faccia»
  • Dialetto: «O mègghie amìche la mègghia petràte»
  • Traduzione: «Al miglior amico la migliore sassata»
  • Dialetto: «Ce u russe fosse fedèle pure u diàuue fosse senggère»
  • Traduzione: «Se il rosso di capelli fosse fedele anche il diavolo sarebbe sincero»
  • Dialetto: «Ci tène la fàccia toste se marìte e la fèmmena onèste arremàne zìte»
  • Traduzione: «Chi è sfrontata si marita e la donna onesta rimane zitella»
  • Dialetto: «Na fèmmene, na pàbbere e nu puèrche fàscene reveldà nu paìse »
  • Traduzione: «Una donna, una papera e un porco mettono in subbuglio un paese»
  • Dialetto: «La fèmmene cattìve chiànge u muèrte e ppènze o vive»
  • Traduzione: «La donna cattiva piange il morto e pensa al vivo»
  • Dialetto: «Ci tène terrìse sèmbe conde ci tène megghièra bbone sèmbe cande»
  • Traduzione: «Chi ha denaro sempre conta, chi ha moglie bella sempre canta»
  • Dialetto: «Ci che la dote la bbrutte se pìgghie, va pe mmète grane eppàgghie pìgghie»
  • Traduzione: «Chi per la dote sposa una donna brutta, invece di grano miete paglia»
  • Dialetto: «Le ciùcce s'arràghene e le varrìle se sfàsscene»
  • Traduzione: «Gli asini litigano e i barili si sfasciano»
  • Dialetto: «Quànne u vove non vole arà, tutte le sscìue nge pàrne stèrte»
  • Traduzione: «Quando il bue non vuole arare, tutti i giochi gli sembrano scomodi»
  • Dialetto: «Ci se mange la polpe, s'ava spezzuà u uèsse»
  • Traduzione: «Chi si mangia la polpa, deve rosicchiarsi l'osso»